…mangiaportolano… dica…

..un piccolo cambiamento durante il we…
in fondo cambiando il numero degli anni…
il risultato è… ahimè.. ahivoi lo stesso…
^__^

un grazie a tutti gli amici e le amiche  cha han lasciato i loro auguri
nelle varie forme…a buon rendere…
:D))
a.

54711c01e9a7f3d3256f28810d53bb8e.jpg

A parte che gli anni passano per non ripassare più
e il cielo promette di tutto ma resta nascosto lì dietro il suo blu
ed anche le donne passano qualcuna anche per di qua
qualcuna ci ha messo un minuto
qualcuna è partita ma non se ne va

Niente paura, niente paura
Niente paura, ci pensa la vita mi han detto così…
Niente paura, niente paura
niente paura, si vede la luna perfino da qui.

A parte che ho ancora il vomito per quello che riescono a dire
Non so se son peggio le balle oppure le facce che riescono a fare.
A parte che i sogni passano se uno li fa passare
alcuni li hai sempre difesi altri hai dovuto vederli finire

Niente paura, niente paura
Niente paura, ci pensa la vita mi han detto così…
Niente paura, niente paura
niente paura, si vede la luna perfino da qui.

Tira sempre un vento che non cambia niente
mentre cambia tutto sembra aria di tempesta.
Senti un po’ che vento forse cambia niente
certo cambia tutto sembra aria bella fresca.

A parte che i tempi stringono e tu li vorresti allargare
e intanto si allarga la nebbia e avresti potuto vivere al mare.
Ed anche le stelle cadono alcune sia fuori che dentro
per un desiderio che esprimi te ne rimangono fuori altri cento.

Niente paura, niente paura
Niente paura, ci pensa la vita mi han detto così…
Niente paura, niente paura
niente paura, si vede la luna perfino da qui.

Niente paura, niente paura.
 

…mangiaportolano… dica…ultima modifica: 2008-01-13T20:10:00+00:00da mangiaportolano
Reposta per primo quest’articolo

38 pensieri su “…mangiaportolano… dica…

  1. Oh, finalmente un po’ di sole!
    E tu che fai questo week end?
    Io domani lavoro e domenica, se il cielo continua ad essere sereno, me ne vado a giocare a mingolf con i miei uomini. Mi chiedo solo come farò ad impastare la pizza domani che ho un appuntamento all’una e non torno a mangiare. Mah… In qualche modo farò!! Baci Ale

  2. con ordine: il fatto di avere i weekend impegnati da qui ad aprile, non mi permette di vedere Capriola come prima. COn la Dany ho definitivamente chiuso, quindi non credo che sentirai più parlare di Simo. il carnevale? lo passerò a lezione…e ho detto tutto. Un bacio Yle

  3. Guarda… erano anni che non raccattavo un felino per strada. Che poi… a me non capita mai perchè io sono una di quelle che cammina alla velocità della luce, sempre di fretta, con mille cose per la testa… difficilmente vedo le persone mentre cammino, figurati un micio!! Ma questa mi ha conquistato con quel nasino nero… è deliziosa!!!!

  4. Senti…. sarà anche bello perchè è vario.. ma che palle!! L’unica nota positiva è che avendo intorno tanti esseri dotati di mono-neurone, poi apprezzi di più quelli con un cervello più complicato di quello di un insetto della frutta. c’é nesssuuuuuuuuunnoooooooooooooooooo??????

  5. ..non dirmi certe cose che io per i mei idoli sono capace di fare ore di attesa, Bruce te lo può dire!!!
    Enzo è un genio e ovviamente essendo genio apprezza il buon vino. Chi non lo apprezza??
    L’Armando… mi picchiava sulla faccia per sembrare lui più bello!!!! :)))

  6. Gh’era el me zio (gh’era el me zio)
    ch’el tampinava (ch’el tampinava)
    ona bella mora (ona bella mora)
    era appena uscito (era appena uscito)
    dal neurodeliri (dal neurodeliri)
    a vottant’ann (a vottant’ann). Ueeee…
    La forza dell’amoreeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  7. Guarda… la cosa assurda è che nessuno si sia curato, prima di diffondere la notizia, di informare la madre. Lei era a casa che cucinava e le hanno spiattellato che i resti dei figli mummificati li hanno trovati in un pozzo proprio sotto a dove li avevano cercati in lungo e in largo. Bisogna essere degli animali.

  8. venticinque anni fa noi eravamo bimbi ingenui.. non avevamo mille canali tv a qualsiasi ora, non avevamo internet e il fiume di informazioni e foto che hanno oggi i nostri figli. ricordi? Aspettavamo davanti allo schermo frementi che quel coso girasse con quella musica sotto… alle cinque del pomeriggio. E iniziavano le trasmissioni. Remi, Heidi e l’Ape Maia. Altro che! Alfredino eri tu, Alfredino ero io. Alfredino era qualsiasi bimbo caduto in un pozzo di 30 cm mentre giocava spensierato, magari inseguendo qualche lucertola. Oggi le lucertole ci sono ancora ma non ci son più i bimbi che le rincorrono. Io percepivo l’orrore tramite mia mamma: seduta sul divano, con gli occhi lucidi e l’angoscia di madre, mia madre come tutte le madri. Mi rendevo conto che era una cosa grande, brutta, spaventosa perchè lei piangeva. E quando mia madre piange, allora vuol dire che siamo nella merda. Ecco perchè cerco di essere una roccia per Teo: la sicurezza che mi ha dato lei, nessuno mai me l’ha trasmessa.

Lascia un commento